Cute Blinking Unicorn
a banana called Momo.

Le persone che mi detestano possono essere divise in due categorie: quelle che non mi conoscono affatto e quelle che mi conoscono fin troppo bene.
- Momo
lunedì 4 giugno 2012
Odio e amore; estasi e tormento.
Nel collettivo immaginario, il più nobile dei sentimenti vacilla continuamente tra il tutto e il nulla, senza dare adito a possibili sfumature. Non vi è una sintesi tra i momenti di felicità e quelli di tristezza; si vive perennemente tra il bianco e il nero.
La gente preferisce crogiolarsi nella tragicità altrui, che sia per trovare in essa conforto o per il mero piacere di commuoversi. Si è propensi ad ammirare storie d'amore mozzafiato e mitizzate, perché pare che l'irraggiungibile possieda quel qualcosa in più che nella vita quotidiana non si può carpire. Ecco così che rimaniamo incantati dinanzi all'opera del Canova "Amore e Psiche", al pensiero dei due giovani innamorati costretti ad affrontare la curiositas di lei e le diverse prove imposte da Venere per poter coronare il loro sogno d'amore; o che ci struggiamo con i finali cruenti delle tragedie shakespeariane e con la passione che  portò i celebri Paolo e Francesca danteschi alla morte.
Probabilmente anche alimentata da tali suggestioni, la connotazione attualmente più attribuita all'amore è quella negativa.
"L'amore brucia", "L'amore fa più male delle sigarette", "L'unico amore eterno è quello impossibili" e affini possono essere annoverati tra gli aforismi più in voga tra i giovani del XXI secolo. Tra siffatte "perle", vengono poi annesse citazione di grandi autori, come l'ormai abusato carme di Catullo.
«Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia.
Non so, ma sento che questo mi accade: è la mia croce».
L'amore come logorio, dunque, è la figura più ricorrente dei nostri giorni, e come tale regna incontrastata tra i romanzi, le canzoni e i film.
C'è anche chi, però, si discosta da queste concezioni, limitandosi a considerare l'amore semplicemente come un meccanismo razionale legato alla produzione di testosterone, estrogeni, dopamina e ossitocina; o, ancora, chi conferisce alla volontà di relazionarsi con uun altro individuo il valore di un desiderio egoistico finalizzato a colmare la propria bramosia di felicità.
La natura tendenzialmente individualistica dell'uomo è sì inconfutabile, ma benché l'input che porta alla nascita di un rapporto tra due persone sia di stampo egoistico, con il tempo quello stesso egoismo verrà condiviso: i desideri dell'uno si concilieranno con quelli della coppia. Non potrebbe essere altrimenti, poiché una relazione implica responsabilità e, talvolta, delle rinunce. Non c'è spazio solamete per l'amor furor che fa palpitare i cuori e sconvolgere i sensi. Ciò, però, non lo demistifica, bensì lo innalza, e lo rende una delle poche cose belle che ha il mondo, come scrive Leopardi in "Amore e Morte", perché la passione è fugace. L'amore no. E non è nemmeno tormento.
Tormento è l'ossessione che da molti viene confusa per amore. Ma l'ossessione è nera, ci imprigiona e ci fa perdere di vista la nostra essenza. L'amore, al contrario, ci eleva e ci migliora.
Non è bianco e nero, in esso sono presenti svariate sfumature: è verde com la passeggiata di Chagall, è azzurro come i silenzi condivisi privi di imbarazzo, è rosa come un pic-nic sotto i ciliegi in fiore.

Quello che avete or ora letto è una rivisitazione del mio saggio breve destinato alla simulazione della prima prova. L'amore è un tema che mi sta molto a cuore, poiché, come sarà trapelato dalle mie parole, credo che venga enormemente screditato.

Attualmente mi trovo nella sala informatica della scuola.
Le giornate scolastiche sono dominate dalla noia, ma l'ansia per gli imminenti esami cresce esponenzialmente. Mi rendo conto di quanto tempo abbia consumato nel nulla più totale e di quanto ciò incida sulla mia attuale (im)preparazione. Mi sono limitata a degli studi disperati pre-compito in classe che mi hanno sì permesso di raggiungere la mia media dell'8, ma di cui ho poche, se non nulle, rimembranze. Perciò, eccezione fatta per filosofia ed italiano, mi ritrovo con programmi su programmi da studiare... Comunque non ho perso le speranze nel poter conseguire il diploma con un punteggio dignitoso!

Etichette: , , , ,

Scritto da momoka @ 00:00 • (19) + 1 sospiro?